Home » Uncategorized » Articolo » da Femminismo a Sud FikaSicula is dead

da Femminismo a Sud FikaSicula is dead

Questa mattina, come ormai di consueto, noi di MFPG andiamo a leggere il blog di Femminismo a Sud. Immediatamente rimaniamo colpite dall’articolo che leggiamo che ci coglie impreparate e che ci lascia esterrefatte. Lo riportiamo qui di seguito.

Chi volesse può leggere il loro blog qui

Ed ecco l’articolo citato

FikaSicula is dead

[Cogliete l’occasione per dare un’ultima occhiata anche alla mia tetta. Ogni taliata un euro da mandare ad autistici che oggi ha riaggiustato il server. Grazie.]

Io leggo questo  e questo e mi rendo conto di stare in un altro pianeta. Penso al femminismo queer, alle lotte di genere, alla precarietà, alle sovversioni mediatiche e comunicative, alle lotte di intere generazioni di tutti i sessi, allo stato/nazione che esiste solo per la repressione e non esiste più per le merci, al fatto che da prima di Genova, il g8, si parla di pensare globale e calare le lotte sul locale e mille altre questioni impellenti e imminenti che mi/ci interessano.

Poi penso all’Italia e vedo un branco di persone che dice di difendere i diritti delle donne chetallonano una donna in modalità da crociata per farle correggere “registro” del suo blog. Penso agli obiettivi del femminismo italiano o quanto meno di alcuni femminismi o presunti tali che gravitano in Italia:

– chiudere una pagina facebook in cui si parla di padri separati (questo è un obiettivo primario per alcune).

– eliminare la Pas dalla faccia della terra (e siamo noi ad aver inserito l’argomento in circolo salvo trattarlo in senso antiautoritario come mille altre questioni, perchè sganciato dal resto è solo un nuovo elemento utile per demonizzare vite, gente, persone). Eliminarla salvo ricorrere a metodi autoritari e censure e pesante persecuzione delle persone che non usano un lessico di un certo tipo e problematizzano questa cosa invece che archiviarla come si trattasse di articoli ricorrenti in uso ai mostri.

– rincorrere il 50/50 di uno Stato che non conta un cazzo, di un governo che non conta un cazzo, di un paese, l’italia, che non conta un cazzo, nello scacchiere della politica internazionale. Mentre siamo totalmente succubi, in ipocrite e finte parvenze di democrazia e sovranità territoriale, delle decisioni che vengono prese altrove, nelle banche, multinazionali, fmi, g8, bce. Qualcuno lo dica alla Terragni, per favore, che chiacchierare con la santanchè e bruciarsi l’ultimo pezzo di utenza che le è rimasta non vale la pena. A lei che chiede il bipartisanismo in nome della fika perché noi che ce l’abbiamo siamo tanto brave. Infatti la Fornero è braverrima, si sa, e tutte quante non vediamo l’ora di vederla e di dirglielo. Di persona.

– inserire in classifica il termine femminicidio nel devoto-oli o nello zingarelli oltreché nel frasario di calciatori fascisti anche se nessuno di loro sa che significa. Qualcuna, le autoritarie, vogliono farlo diventare un’aggravante per punire i morti. perchè la maggior parte dei femminicidi finiscono con il suicidio del colpevole. dunque avremo un’aggravante per punire i cadaveri il che vuol dire che li seppelliremo aggravando il peso della lapide sulla quale scriveremo Tiè.

– rompere le ovaie a noi per la nostra “non-linea”, sul fatto che ciascun@ di noi, vedi tu che insolita libertà, può scrivere sullo stesso blog il cazzo che le/gli pare. romperci le ovaie in ogni dove. sul blog, su facebook, in qualunque posto.

– riesumare le “storiche” per accreditare teorie femministe vecchie quanto il cucco e convincere tutte che l’obiettivo massimo da portare avanti sia la “rappresentanza” e sia quello di coprire i culi delle modelle anche se le modelle se ne fottono di mostrare il culo.

E nel frattempo le migranti vanno a morire, in ogni posto entro i confini della civile europa a cui talune si beano di appartenere. E nel frattempo di lavoro non ce n’è e l’economia è fatta per privilegiati in barba alla gente come noi. E nel frattempo succede il finimondo in ogni nazione e in ogni Stato e noi siamo qui a essere costrette a dibattere sulle politiche di condominio di un femminismo provinciale che filtra pure le pubblicazioni straniere che dobbiamo andare a recuperare altrove. E per fortuna che conosciamo le altre lingue perché altrimenti sai che tristezza andare in libreria a leggere le stronzate di Se Non Ora Quando e i libri in cui si parla sempre delle stesse cose. Con qualche eccezione che sentiamo il bisogno di citare di tanto in tanto.

E nel frattempo i fascisti in ogni campo recuperano terreno e non di nome e nei corpi ma nella cultura e nei metodi perchè fasciste sono anche tante donne che moralizzano, fanno le ronde reali e virtuali, e poi vengono a dire a noi cos’è femminismo e cosa non lo è.

E nel frattempo le destre e gli autoritarismi permeano ogni angolo sulla faccia della terra e noi siamo ancora qui a essere obbligate a spiegare perché delle primarie non ci piace niente e perchè votare per un governo che non governa nulla non serve a niente e perché le persone che fanno scelte contro le donne poi non possono chiedere il voto alle donne così come le persone che assumono decisioni contro tutta la gente che lotta ogni giorno, i movimenti, chi esige e rivendica diritti, non possono venirci a chiedere nulla. proprio niente.

Se il femminismo italiano è questo io sono antisessista e antifascista e antirazzista e antispecista e antiautoritarista e me ne sbatto di chiamarmi femminista.

Se a questo ci siamo ridotte: a dover litigare, e spiegare, e rispondere a interrogatori idioti ogni due minuti per avere la libertà di esprimere una opinione allora bisogna anche ripensare i metodi di confronto tra questi presunti femminismi. Si torna alle assemblee reali, magari, ché ce lo dicano in faccia che l’unico modo in cui si può parlare delle questioni è quello di rispolverare metodi medioevali e forconi con tanta voglia di linciaggio forcaiolo che c’è da ogni parte.

I movimenti in generale, non solo il femminismo, sono alla deriva se perfino quelli di anonymous, che dovrebbero avere ereditato un po’ di etica hacker, non fanno che esaltare il proprio ruolo di giustizieri del web consegnando all’attenzione del pubblico gli indirizzi e i nomi e i cognomi di gente che magari non è d’accordo. Ché poi, mi chiedo, ripensando agli scoop su silkroad, che gli hacker fossero così inclini a cercare la gente per consegnarla ai militari a me è del tutto nuova ma tant’è. generazioni differenti e diversi metodi e su questa cosa prima o poi bisogna un po’ rifletterci.

Ma a parte questo è diventato tutto un grillismo e grillare e fare dell’indignazione la sostanza politica delle cose, senza approfondimenti, senza ricerche, senza voglia vera di andare oltre e di produrre proposta culturale e politica, senza la voglia di ascoltare, mentre ti strillano se solo osi dire “ma” o se non usi il tono urlato che a me viene da usare adesso perchè ne ho abbastanza, ed è un susseguirsi di narcisismi in cui o con me o contro di me e addio alla pluralità e alla democrazia perché ogni cosa diventa una ideologia. Finanche la lotta contro la violenza sulle donne e questo un po’ mi spiazza. Mi spiazza pensare che non c’è libertà per la dialettica interna, che non ci si può confrontare tra diversi modi di pensare, che esistano dei mostri comunicativi liberati che producono scandali televisivi al servizio di programmi trash della tv. Mi spiazza e devo chiedermi quanto anch’io ne sono responsabile, e me lo sono chiesto, se ho contribuito a creare questa merda di clima culturale cristallizzato, asfittico, colmo di dogmatismi, volto verso pericolose derive autoritarie e dopo che me lo sono chiesto poi impiccarmi, magari, giacché pare non sia lecito ripensarsi e rimettersi in discussione in un discorso pubblico, intellettualmente onesto, senza incorrere nell’ira di fan che sentono tradito l’obiettivo unico che li animava e le faceva esistere. Fan che pensano che un luogo di ricerca collettivo costantemente in progress, così è da anni, come Femminismo a Sud sia diventato un reality in cui a loro basta dire che sei “nominat@” e dovresti morire seduta stante. Fan che all’obiettivo del femminismo da condominio (virtuale) accreditato aggiungono:

– cagare il cazzo costantemente e abbattere la pagina facebook di femminsmo a sud esattamente come facciamo con quell’altra pagina dei soggetti di cui sopra.

E c’è bisogno in modo assurdo di icone da canonizzare e distruggere ed è così che un nick come il nostro, che è e resta collettivo, per quello che mi riguarda, a me che ora lo uso, torna scomodissimo perché è diventato il catalizzatore di tanto odio e amore e se prima era utile affinché aiutasse a liberare le idee perché non ci si concentrasse sul nome, i titoli accademici e le persone che le diffondevano, oggi è diventato una trappola, una prigione entro cui le idee muoiono e vengono considerate solo in rapporto a chi scrive e non in rapporto a cosa si scrive. Pensate a quale livello di delirio siamo arrivati se un nick come FikaSicula è diventato per certune/i questo.

Dunque bisogna che FikaSicula muoia e muoia senza alcuna esitazione. Muore FikaSicula e si liberano le idee perché FikaSicula si è rotta le ovaie di fare da catalizzatore di tutta la merda del web e perché chi sa qualcosa di mediattivismo tanto quanto ne so io sputerebbe su un nick così come su hegel quando il nick diventa rappresentativo di una qualunque “autorità”. FikaSicula non è. Non è mai stata. Non ha in mano le sorti del mondo, i destini dell’umanità e tutto quello che vuole è continuare a esprimere le sue idee. Ovunque.

FikaSicula is dead. Lunga vita al collettivo FaS.

  • infooption
  • Twitter Dummy Image
  • Facebook Dummy Image
  • Googleplus Dummy Image

Posted in AntiAutoritarismiComunicazioneCorpiCritica femministaR-esistenze.

9 comments

By fikasicula – ottobre 30, 2012

Qui di seguito riporto alcuni commenti che sono stati scritti in seguito alla pubblicazione nel nostro gruppo Facebook del link dell’articolo…

  • Fabrizio Marchi una posizione davvero coraggiosa…anche se, ne ero convinto da tempo, si sarebbe resa prima o poi inevitabile, data l’evoluzione del suo pensiero (e della sua prassi). E’ stato prima e non poi, e questo rende la sua scelta ancora più coraggiosa… Da parte mia porte aperte, come si suol dire…
  • Spartacus Stark Io sono molto piu’ terra terra e sinceramente il suo articolo sembra essere dalla parte della giustizia a prescindere dal sesso o sbaglio?
  • Laura Besana Bravo Spartacus Stark il suo articolo è contro la prevaricazione e la violenza che si subisce
  • Spartacus Stark Azz è molto brava a scrivere…
  • Arianna Brambilla Veramente!
  • Laura Besana Quello che descrive Fikasicula è una violenza in piena regola, la stessa violenza che noi Donne di MFPG abbiamo subito da aprile in poi per mano prima di quattro comari inacidite, in gruppi dai quali siamo state bannate e così pure su un gruppo i cui amministratori ogni tanto vengono qui a deliziarci coi loro inutili sermoni su quanto sono bravi loro a fare questo o quello. La stessa violenza che subiamo mediaticamente perchè schierate contro un femminismo che vuole le donne deboli e quindi bisognose di sostentamento, ma allo stesso tempo padrone del prodotto dei loro uteri, pronte a brandirli come simulacro di santità…..Diciamo che siamo schifate per quello che abbiamo subito, e che non tollereremo oltre.
    • Arianna Brambilla senza parlare del copia incolla di post nostri, puntualmente dileggiati anche con accostamenti offensivi verso personaggi pubblici….. dimenticando che dalla rete NIENTE SPARISCE PER DAVVERO
    • Ettore Panella Beh! Il fatto che mostrare il seno sia stato considerato da fikasicula un atto di “disobbedienza civile” mi conferma che il femminismo è sempre più nelle mani dei moderni savonarola, complimenti sia per il gesto sia per il seno e con questo so di sfidare il bigottismo imperante. A me la gente che ama ragionare piace molto anche se non sono d’accordo, anzi trovo più interessante discutere proprio con chi ha idee che non condivido, c’è sempre qualcosa da imparare o un punto di vista diverso.

ΦφΦ

Associazione

DonneContro – Movimento Femminile per la Parità Genitoriale

SEGUICI SU

www.bigenitorialita.eu

www.bigenitorialita.info

www.mfpg.it

www.donnecontro.it

Sito: www.donnecontro.info

Blog: bigenitorialitaedintorni.wordpress.com

Pagina Facebook: www.facebook.com/pages/movimento-femminile-per-la-parita-genitoriale

Gruppo Facebook: www.facebook.com/groups/donnecontro

Annunci

3 thoughts on “da Femminismo a Sud FikaSicula is dead

  1. Pingback: L’opposizione al concetto di alienazione parentale e le femministe come utili idioti

  2. Pingback: Lettera alla lettera di Repubblica: la mia vita liberata dall’amore violento | Bigenitorialità e Dintorni

  3. Pingback: Fike non si nasce: si diventa! « Al di là del Buco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...