Home » Uncategorized » Articolo » Violenza sulle Donne 5

Violenza sulle Donne 5

Violenza sulle donne è sbandierare la presunta sterilità di una altra donna: stai offendendo le sue scelte o ridicolizzando il suo stato di salute

Violenza sulle donne è interferire con gli spazi di una coppia perchè l’ uomo di quella donna non ti vuole piú (e magari l’hai cacciato tu)

Violenza sulle donne è deriderne il nome o il cognome. Sono elementi della sua identità e non ti appartengono.

Violenza sulle donne è pretendere che si omologhino al modo di pensare di un gruppo di altre donne solo perchè è numeroso.

Violenza sulle donne è chiedere di coprirsi a chi invece è orgogliosa di far vedere il proprio corpo.

Violenza sulle donne è sentirsi dire da una altra donna come dovresti fare l’amore se e quando

Violenza sulle donne è sostenere che una donna è meno madre di te perche i suoi figli son nati dopo i tuoi.

Violenza sulle donne è diffamarle e poi negare di averlo fatto

A cura del collettivo

Annunci

3 thoughts on “Violenza sulle Donne 5

  1. Pingback: Lettera alla lettera di Repubblica: la mia vita liberata dall’amore violento | Bigenitorialità e Dintorni

  2. Sartori Patriziaa
    Ho scoperto ieri che il Gruppo che si fregia del nobile “titolo” di Movimento Femminile Parità Genitoriale, altri non è che la nuova denominazione del vecchio Movimento Femminile contro il Femminazismo.

    Osservo e leggo sempre più basita sproloqui su una neo cultura nazilfemminista, su bambini e uomini ostaggi delle nuove naziste….inni a combattere le ex mogli , una nuova caccia alle streghe in termini moderni, con tanto di coinvolgimento di ideologie politiche a senso unico.

    Già il veder associare il termine “nazismo” a discorsi ed argomenti tanto delicati, dalle mille sfaccettature e realtà possibili, mi fa venire i brividi!!!

    Forse perchè ancora ho nella mente i racconti di mio nonno deportato dai nazisti….quelli veri….!!!

    Essendomi poi interessata e documentata parecchio per mio interesse personale su questo argomento, avendo avuto a che fare purtroppo con episodi di odio razziale nei confronti di un amico facente parte della comunità ebraica, mi si chiude lo stomaco…e mi permetto di suggerire all’amministratrice di questo gruppo ed ai suoi membri di collegarsi con il cervello prima che su Internet e su Facebook!!!

    Chi parla di padri vittime di femmine naziste, addirittura di figli ostaggi di Nuove Hitler in gonnella , moderi e corregga i termini …Ed eviti di BESTEMMIARE ed OFFENDERE quelli che purtroppo il nazismo lo hanno davvero conosciuto e ce l’hanno marchiato a fuoco sulla pelle!!!

    Evitiamo di sparare a zero su tutta la categoria e di paragonare madri e mogli, comprese quelle sicuramente in malafede e nel torto assoluto (alle quali , sia ben chiaro, va tutto il mio biasimo) ad esseri diabolici e spietati che hanno letteralmente sterminato e massacrato migliaia di uomini, donne e bambini!

    Andiamoci piano con i termini , perchè mi sembra che certe signore e signori di questo gruppo siano i primi a varcare le soglie dell’estremismo e del razzismo sociale ad oltranza e per partito preso, verso la categoria delle ex mogli.

    Se vogliamo GIUSTAMENTE, condannare queste madri che vessano gli ex mariti e gli portano via i figli, li riducono alla fame levando loro casa e soldi, allora CONDANNIAMO anche quei padri che di fatto AFFAMANo i figli e riducono le loro ex mogli sul lastrico.

    PERCHE ESISTONO ANCHE QUELLI !!!!! ECCOME SE ESISTONO E NON SONO POCHI !!!

    Rispetterei maggiormente il vostro pensiero e mi unirei alla vostra battaglia se non ragionaste a senso unico, ciechi di fronte a realtà differenti dalla vostra.

    Sembrate avere la verità assoluta in tasca, con la convinzione di essere voi le uniche vittime di un sistema sicuramente sbagliato.
    E la colpa , naturalmente , è sempre degli altri.

    MI piacerebbe che le Signore in questione, oltre giustamente a battersi per i loro diritti e quelli dei loro nuovi compagni, si battessero anche per i diritti di DONNE COME LORO, vessate e messe in gravi difficoltà da ex mariti furbi e disonesti, menefreghisti e spesso crudeli.

    Mai una parola a favore di quelle ex mogli che lavorano e si mantengono… e magari con uno stipendio “normale” devono provvedere DA SOLE uno o più figli e non dormono la notte al pensiero di come far quadrare i conti!

    PERCHE’ SE ESISTE ANCHE LA POVERTA’ DELLE MADRI SEPARATE NON SOLO QUELLA DEI PADRI!

    ESISTONO ANCHE PADRI CHE ABBANDONANO I FIGLI E NON CONTRIBUISCONO AL LORO MANTENIMENTO, MENTRE CONTEMPORANEAMENTE SI COSTRUISCONO UNA NUOVA CASA, FANNO VIAGGI , GIRANO SU MACCHINONI MA SI DICHIARANO NULLA TENENTI PER NON DARE UN EURO ,

    COME DOVREMMO CHIAMARLA QUESTA ??? CULTURA NAZILMASCHILISTA????

    Dobbiamo quindi equiparare per par condicio quei padri in malafede che si disinteressano dei figli o magari maltrattano le loro mogli e. in più di qualche caso per non pagare loro gli alimenti arrivano addirittura ad ucciderle e farle sparire, a nuovi Hitler formato nostrano??

    Ma su, ripigliatevi un attimo gente!!!!!

    Sono una nuova compagna anch’io….ma non mi sognerei mai di condividere le vostre esternazioni o di spara nel mucchio come fate voi.

    Ma sono anche un ex moglie…e perdonatemi se dopo ventidue anni di matrimonio, dopo aver lavorato per anni per contribuire a pagare una casa e i debiti del mio ex marito, QUALCHE DIRITTO PENSO DI AVERLO ANCHE IO!!!!

    SOno pienamente d’accordo su molti dei tuoi punti…ma ti consiglio di guardarti allo specchio perchè riguardano anche te!

    IO non sbandiererei tanto il termine violenza cosi come nazismo…parlerei piuttosto di buon gusto.

    E non è molto di buongusto nemmeno da parte vostra sentenziare che se sei una casalinga prima di fare un figlio dovevi pensarci.

    NOn è di buon gusto lodarvi da sole definendovi intelligenti e uniche depositarie della verità

    Non è elegante nemmeno accusare la prima moglie di essere una mantenuta o di farsi pagare, ne fare di tutta l’erba un fascio….

    E soprattutto non è elegante invitare pubblicamente ad un confronto conti alla mano, e poi non dar modo di averlo questo confronto…

    Siccome a me, come già ripetuto non piace sparare nel mucchio , ma parlare direttamente alle persone faccio nomi e cognomi in modo che si sappia direttamente a chi mi riferisco!!!

    Spero di essere stata chiara…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...