L’oggetto Transizionale – Winnicott

L’oggetto Transizionale

L.B.

Esploriamo un po’ di psicologia, non quella da salotto o  da thread come si dice nel gergo dei forum, dei newsgroup e delle chat e analizziamo un fenomeno che spesso i genitori si trovano ad affrontare con i figli.

Parlo dell’oggetto transizionale, in questo modo Donald Woods Winnicott chiama quell’oggetto, orsacchiotto, copertina o quant’altro, che il bambino trattiene con sé nelle fasi quotidiane di passaggio e dal quale trae rassicurazione.

Raccontiamo un po’ la storia della teoria dell’oggetto transizionale.

Winnicott sin dagli anni ’50 ne aveva parlato. In quegli anni, ma sovente ancora oggi, si trattava di una pezzuolina che veniva utilizzata durante le routine quali pappa e ruttino oppure addormentamento e che si permeava degli effluvi corporei del lattante e di chi se ne prendeva cura. Questa pezza seguiva il bambino durante la giornata e assumeva una funzione rassicurante e tranquillizzante quando questi era “solo” e  tramite il senso dell’olfatto percepiva l’odore dello stare insieme.

Winnicott lo definisce, un ponte tra due stadi emotivi: lo stadio di onnipotenza soggettiva del lattante e lo studio di una realtà oggettiva condivisa, realizzando il distacco dalla fusione con la madre.

Quanto dura questa fase?

Sappiamo che quando la relazione tra bambino – oggetto transizionale si consolida è il momento in cu scatta la propensione  dello spazio sociale attorno a lui per farglielo abbandonare. Anche se può sembrare incongruente la funzione educativa di tale spinta è volta allo stimolo di una più consapevole capacità e autonomia affettiva. E’ attorno ai 36 mesi che il bambino può iniziare a separarsi dall’oggetto, pur temendone la perdita, per un tempo più lungo. Questo non significa che il bambino non ne abbia più bisogno, però sta ad indicare una sua maturazione psico-affettiva, una maggiore consapevolezza di sé nello spazio che lo circonda e una maggiore autostima.

Quasi quotidianamente come educatrice mi sono ritrovata in situazioni nelle quali gestire l’oggetto transizionale e mi sono resa conto che i bambini con madri serene e tranquille, non ossessive nel loro rapporto coi figli, meno necessitavano della presenza di questo oggetto. Il motivo lo possiamo ricondurre al fatto che quando un bambino ha delle risposte congrue alle sue richieste sviluppa un senso di fiducia nella persona di riferimento tale da fronteggiare anche le brevi separazioni senza ansia e angoscia.

Quando un bambino sente che la persona di riferimento è salda e sicura e che lo sostiene nel suo cammino verso l’autonomia sviluppa un senso di autostima che lo porta ad interagire con lo spazio attorno con sicurezza.

Tornando all’oggetto transizionale, quando un bambino arriva in un luogo dove sono presenti altri bambini più o meno della stessa età con in mano un oggetto portato da casa, subito diventa magnetico. Sono tutti attorno a lui, lo guardano, alcuni allungano una mano per toccare l’oggetto altri lo afferrano e cercano di trarlo a sé. In tutto questo il bambino può reagire in diversi modi, c’è chi si scansa di lato, chi dice “NO MIO!!!” chi si volta verso l’adulto, chi si mette a piangere. Ogni mattina ogni educatrice/tore di asilo nido si trova in questa situazione, una, due, tre, enne volte.

Chi lavora in ambito educativo è preparato a queste situazioni, ne conosce la genesi e l’evoluzione ed è preparato a reagire con le dovute modalità. Sapendo che questo oggetto è importante lo si tutela come il bambino a cui appartiene e glielo si custodisce perché sia disponibile per lui al momento del bisogno.

Fonte: Dispense, percorsi esperienziali

Cenerentola e le sorelle ignoranti

Dal blog della Dott.sa Valentina Morana  

alicenelpaesedelgenoma.org

 

Cenerentola e le sorelle ignoranti

Capita di leggere in rete un guazzabuglio modello “new age”, ovvero c’è chi mette insieme due situazioni diverse, come se una fosse collegata all’altra. Ma non è così. Stiamo parlando dei Consultori Familiari e dei successivi, autonomi e slegati Centri Antiviolenza.

Me li ricordo i tempi in cui le vere femministe a Trieste preparavano la base per la legge 194 e l’apertura dei consultori. Ero molto giovane allora ma partecipavo agli incontri e imparavo molte cose. Erano donne forti, molto preparate, una di loro Ester Pacor l’ho incontrata il passato giugno al convegno delle donne Idv a Trieste. Il senso di base ispiratore della legge era quello di: interrompere il sistema delle mammane molto pericoloso per la vita della donna, e permettere alle donne e alle adolescenti di poter abortire se necessario, in una struttura sanitaria;  creare uno spazio di ascolto per gli adolescenti anche informativo di educazione sessuale; promuovere l’educazione sessuale nelle scuole medie e superiori a scopo preventivo; promuovere progetti di informazione sulla contraccezione. Stiamo parlando di oltre trent’anni fa ma è ancora un progetto da difendere e promuovere perché è attualissimo. Anche se una parte delle azioni deve essere migliorato ancora. Si va verso l’evoluzione. (…..) (continua a leggere qui)

 

 

Associazione

DonneContro – Movimento Femminile per la Parità Genitoriale

SEGUICI SU

www.bigenitorialita.eu

www.bigenitorialita.info

www.mfpg.it

www.donnecontro.it

Sito: www.donnecontro.info

Blog: bigenitorialitaedintorni.wordpress.com

Pagina Facebook: www.facebook.com/pages/movimento-femminile-per-la-parita-genitoriale

Gruppo Facebook: www.facebook.com/groups/donnecontro